Bobby Sands: la forza dei suoi ideali l’hanno reso immortale

Bobby Sands: la forza dei suoi ideali l’hanno reso immortale

39 anni fa moriva nel carcere di Long Kesh, in Irlanda del Nord, il 27enne Bobby Sands.

Moriva dopo 66 giorni di sciopero della fame come protesta per richiedere lo status di prigioniero politico, abolito da Londra nel 1976, e per le condizioni nelle quali lui e altri giovani ragazzi erano incarcerati – senza prove e soprattutto senza processo – per effetto delle diplock courts, ovvero tribunali speciali senza giuria e presieduti da un giudice che non seguiva le procedure di legge che invece vengono seguite nell’ambito dei normali processi.

Moriva dopo oltre 4 anni di prigionia, attraversati da brutali pestaggi ad opera dei secondini nel cosiddetto Punishment Block, dove i prigionieri potevano restare fino a 30 giorni ricevendo solo una tazza di tè e della brodaglia come pasto, in un isolamento interrotto unicamente da ulteriori pestaggi, sempre tenuti nascosti all’interno degli H-Blocks (i famosi Blocchi H, cioè le carceri così chiamate per la loro forma).

Bobby Sands portò alla luce la situazione disumana nella quale erano tenuti centinaia di detenuti per il solo fatto di essere cattolici o repubblicani sospettati di partecipare a manifestazioni a sostegno di una Irlanda libera e unita. Riuscì a farlo scrivendo su pezzi di carta igienica e pacchetti di sigarette che fece uscire dal carcere con stratagemmi e durante l’ora di colloquio con i famigliari (1 ora al mese!) quello che divenne il suo diario, nel quale descrisse le 3 fasi di protesta – che caratterizzarono l’intero periodo di incarceramento – contro il mancato riconoscimento dello status di rifugiati politici oltreché per le brutali condizioni carcerarie: la blanket protest dal 1976, che consisteva nel rifiutarsi di indossare l’uniforme di prigioniero e nel coprirsi quindi solo con una coperta (le finestre non avevano vetri e nelle celle entrava la gelida aria invernale, la pioggia e la neve); la no-wash protest dal 1978, con la quale si rifiutavano di lavarsi e di rimuovere i buglioli e svuotandoli sul pavimento delle celle; infine il tremendo epilogo dello hunger strike, lo sciopero della fame (avvenuto in due fasi) prima nel 1980 e poi nel 1981, quando i detenuti fecero le cinque richieste che divennero note come le “Five demands”. Ad iniziare il secondo sciopero della fame fu proprio Bobby Sands, il 1 marzo 1981, che fu anche il primo a morire, seguito da altri 9 ragazzi.

Le conseguenze andarono ben oltre l’auspicato ascolto da parte del governo britannico: sebbene questo continuò a rifiutare qualsiasi trattativa con i prigionieri, ritenendo che la mediazione non rappresentasse la strada giusta da percorrere, si fece luce su una situazione che il governo inglese cercava di tenere nascosta e che se da una parte portò alla sollecitazione e al rafforzamento della lotta armata, dall’altro aprì la strada al “processo di pace” che culminò nell’aprile 1998 con la firma del cosiddetto Good Friday Agreement (Accordo del Venerdì Santo).

Ai funerali di Bobby Sands parteciparono oltre 100.000 persone e manifestazioni si tennero fino a Milano, Parigi e persino New York. La forza e la coerenza dei suoi ideali e della battaglia per l’autodeterminazione dei popoli l’hanno reso immortale simbolo di tutti coloro i quali sono in cerca della libertà.