Le #PrimariePD2017 sono state un flop

Mancando ancora, dopo ben 24 ore, i risultati ufficiali, si può fare tuttavia un’analisi con le primarie PD precedenti basandosi sui risultati ufficiosi, che non dovrebbero comunque discostarsi di molto da quelli definitivi quando arriveranno.

Massimo Franco scrive sul CorSera sulle Primarie del PD: “La partecipazione è stata superiore alle previsioni”. O si sono tenuti molto bassi, o avevano una paura micidiale…

Dopo 16 ore di silenzio, si scopre infatti che il PD ha perso 966.223 votanti e Renzi 611.943 voti rispetto al 2013, passando da 1.895.332 a 1.283.389 voti che se sono superiori al milione prefissato, sono comunque il peggior risultato per un segretario nei 10 anni di storia delle primarie PD. A Renzi interesserà, e forse rivendicherà, di essere il segretario PD eletto con la maggior percentuale, ma dall’altra parte è stato anche il segretario eletto con meno voti, che si conformano sempre di più al dato dell’affluenza, a sostegno delle critiche di un partito personale mosse nei suoi confronti.

Voti a Renzi alle primarie PD

Nel 2007 Veltroni era stato eletto segretario con 2.694.721 voti; nel 2009 Bersani ne prese molti meno, ovvero 1.623.239; Renzi nel 2013 torno a far segnare numeri alti con i suoi 1.895.332 voti ma diventati appena 1.283.389 nel 2017, soltanto 4 anni e 1024 giorni di governo dopo.

Voti al segretario Pd eletto alle primarie

L’esperienza di governo, tra l’altro il quarto esecutivo più longevo della storia della Repubblica, ridimensiona ulteriormente la scarsa performance di Renzi, perchè se nel 2013 i voti sono stati comunque tanti rispetto a quelli di Bersani di 4 anni prima e nonostante il calo dell’affluenza, questa volta al sostanziale calo di voti per Renzi (unico segretario riconfermato e, in verità, unico a ricandidarsi alla segreteria PD) segue un ancora più importante calo di votanti che per la prima volta fa scendere l’affluenza sotto quota 2 milioni. Il calo, infatti, è sicuramente dovuto in buona parte alla delusione dell’attività politica di Renzi, che se nel 2013 ha fatto il pieno trascinato dalla fiducia, dai media e da una gestione sottotono di Letta (con segretario Epifani) dopo il fallimento di Bersani, ora subisce il peso dei quasi 3 anni come Presidente del Consiglio, sotto quei riflettori ora non più così benevoli, davanti al popolo che dopo le promesse si aspetta(va) una diversità, un’innovazione e una concretezza mai arrivate davvero. Un segnale, quindi, esattamente opposto.

Affluenza alle primarie del PD

Il confronto tra calo dell’affluenza e calo dei voti a Renzi rende bene l’idea della fondatezza delle preoccupazioni di alcuni esponenti del PD circa una personalizzazione del partito, che si manifesta al momento delle primarie, dove sembra che vadano a votare sempre di più i renziani mentre al quasi milione di voti perso nell’affluenza non fa un contro-bilanciamento neanche timido il voto verso una delle due alternative, anzi, come si vede nel grafico sottostante, i voti di Renzi si avvicinano sempre di più ai voti totali.

Confronto affluenza - voti a Renzi

Se questo sia sintomo di una forte leadership di Renzi o di una deriva personalistica (anche causata dalla mancanza di alternative forti) ce lo diranno il tempo e ce lo potranno dire al massimo esponenti del partito, ma i dati parlano chiaro e, previsioni (volutamente?!) pessimiste a parte, confermano che queste primarie sono state un duro flop sia per Renzi sia, soprattutto, per il Partito Democratico.

Annunci

Rivoluzione francese

Il primo turno delle elezioni francesi ci ha portato una conferma: è definitivamente conclusa la distinzione destra-sinistra per definire i due campi delle sfide elettorali e politiche.

Come si è potuto notare bene soprattutto in Austria, i partiti tradizionali al potere da decenni e che siamo abituati vedere l’uno governare e l’altro essere a capo della minoranza, sono ora entrambi esclusi ai ballottaggi, fuori dai giochi, minoranza erosa in uno scenario totalmente nuovo, che vede ora da una parte i localisti e dall’altra i globalisti, da una parte gli anti-sistema e dall’altra il sistema stesso (il cosiddetto “establishment“). I lavoratori, i giovani e le classi più colpite dalla crisi abbandonano o escludono i partiti storici per dare la loro preferenza a chi si fa portatore di queste istanza, indipendentemente dal fatto che siano favoriti od ostacolati dalla stampa.

È successo anche in Francia, e se i Repubblicani possono incolpare la stampa e le inchieste giudiziarie come il “Penelope gate”, i socialisti possono incolpare solo loro stessi e devono essere consapevoli che Hollande ha grandi responsabilità dell’esclusione del PS al 6%, anche se la grande fetta di responsabilità ce l’hanno i detentori del potere nel sistema europeo, che tengono in scacco i governi nazionali che la Le Pen vuole liberare.

Ecco che l’endorsement di Juncker, Merkel e Mogherini (ma non dovrebbe essere imparziale?) a Macron, conferma che è il perfetto successore di Hollande, del quale fu appunto Ministro dell’Economia. Dato che sapevano già della disfatta del Parti Socialiste, ora si rifugiano tutti assieme da lui, come in un minestrone; ma più appoggio gli offrono e più dichiarazioni di apprezzamento pronunciano, più Macron rischia di essere visto parte di quell’establishment che Le Pen promette di combattere, come avvenne negli USA tra Trump e la Clinton ed in Olanda tra Wilders e Rutte.

Invece, il sostengo lampo di Fillon a Macron è chiaramente in vista delle legislative di giugno, quando il Presidente dovrà nominare il Primo Ministro, che è il detentore del vero potere. Il problema è che un vero gollista non può votare un ex ministro di Hollande, e la scelta più coerente è votare Marine non solo per gli elettori repubblicani, ma anche per Fillon stesso, che arriva da una gioventù gollista sociale ed euroscettica che è l’esatto opposto rispetto a Macron.

L’incoerenza del sostegno indotto di Fillon verso il favorito 39enne fino a 3 anni fa sconosciuto di En Marche è emersa dopo qualche minuto, quando Macron ha esclamato che sarà il Presidente contro i nazionalismi… non credo che i gollisti l’abbiano presa molto bene. In questo senso è stato molto più intelligente Melenchon, che ha salvato capra e cavoli senza dichiarare un appoggio a nessuno e mantenendo quindi libero il suo partito e sicuro l’elettorato raggiunto (la maggior parte dei lavoratori votano Le Pen); perchè il PM lo elegge comunque il Parlamento.

Per quanto riguarda il ballottaggio, invece, c’è un dato straordinario e che nessuno sta prendendo in considerazione: il quasi 5% del sovranista (quindi localistaDupont-Aignan e soprattutto i suoi 1,6 milioni di voti, che lo pongono in sesta posizione appena dietro ad Hamon del PS. Questi sono voti potenziali per il Front National. Non andranno di certo tutti alla Le Pen, ma nessuno andrà a Macron.

Secondo alcuni analisti, i voti presi ora da Fillon si tripartiranno equamente tra astensione, Macron e Le Pen (e qui emerge il calcolo dell’endorsement, che a breve tempo può funzionare ma a lungo tempo è pericoloso). La previsione più interessante resta comunque vedere dove andrà il voto di Melenchon, ovvero più di 6,8 milioni di voti che potrebbero essere decisivi. L’elettorato di Hamon dovrebbe convergere di natura su Macron, anche se rischia di portare un contributo di poco superiore rispetto a quello di Dupont-Aignan. In tutto ciò, comunque, è meglio che Hollande stia nell’ombra perchè con i suoi indici di gradimento rischia di allontanare più voti di quanti ne porti.

La distinzione destra-sinistra è definitivamente superata, è una rivoluzione che arriva anche in Francia dove per la prima volta nella Quinta Repubblica non accedono al ballottaggio nè i Republicains (ex UMP) nè il Parti Socialiste, ma candidati alternativi ai quali gli altri, le vittime del cambiamento socio-politico avvenuto con loro al potere, cercano di accostarsi sia nella politica interna sia in quella estera: tipico è l’esempio del PD che supportava da sempre Macron anzichè il suo storico e naturale alleato Hamon (PS). La nuova distinzione la chiamano in diversi modi, io la identifico in global contro local.

Tutto è ancora aperto per il 7 maggio, calcolando anche che Macron non ha un partito che gli porta voti “storici” e “sicuri” nè al ballottaggio nè tanto meno alle importantissime elezioni legislative di giugno, che rischiano di far precipitare la Francia nella coabitazione. E sarebbe anche l’ultima possibilità per i partiti tradizionali di restare a galla nel sistema.

Quello di Roma è il vero M5S

Quando sei un partito ma vuoi chiamarti Movimento (o MoVimento) e non essere associato agli altri seppure partecipi ugualmente alle elezioni e alla vita politica, ignorando il significato costituzionale della parola e quindi di fare parte di quella categoria, che non è un qualcosa per forza negativo o losco; quando, per accentuare la tua diversità dal resto che reputi marciume, appelli i tuoi esponenti “cittadino-portavoce” al posto del nome della carica, forse per metterti al riparo dall’autogol della frase che aveva preceduto la campagna elettorale “i politici sono dei ladri corrotti, tutti a casa!” e che ora vede i tuoi negli stessi panni degli altri; quando non hai uno statuto ma due regolamenti, dei quali uno di un “MoVimento” e l’altro di un altro “Movimento” che però è composto solo da 4 persone fino al 2015 e prima di essere considerato nullo veniva usato per espellere i tesserati dell’altro, ovvero quello che si presentava alle elezioni; quando basi tutto sulla democrazia diretta ma poi le decisioni si prendono su un blog gestito da una sola persona, che non appare mai e decide ogni cosa da dietro un pc, avvolta da un’aurea misteriosa, che è l’unico ad avere le chiavi di accesso ai codici del blog stesso e le quali votazioni avvengono solo tra i tesserati e per di più in orario lavorativo, spesso inoltre con accuse di vario tipo e contestazioni; quando basi tutto sulla trasparenza e l’onestà ma poi le statistiche dicono che hai più problemi del PD e quando arrivi a governare città medie ti sgretoli, città grandi implodi; quando la frequenza delle dirette streaming è inversamente proporzionata all’importanza di prendere decisioni in situazioni problematiche all’interno; quando il tuo esponente di spicco che vuole fare il Presidente del Consiglio dichiara di aver letto male un’email e non averla capita; quando una delle 5 Stelle è relativa ad un simbolo che è anche quello del tuo possibile fallimento come maggiore forza di opposizione e perlomeno di quella credibile: l’ambiente (del quale Muraro è assessore)… beh quando sei tutto questo non sei una barzelletta e neanche una forza politica seria, ma un misto tra le due cose. Come Grillo: un misto tra comicità e parvenza di politica. Ma la politica, quella vera, è “sangue e merda” come disse Rino Formica, mentre il M5S la merda la spara solo contro gli altri e il sangue lo fa venire freddo a chi legge certe loro dichiarazioni. Il problema è che il M5S sta facendo passare il messaggio che la politica sia tutto uno schifo, propagandando con demagogia di essere il migliore, e una folta schiera di cittadini esasperati si aggrappano a questa speranza e arrivano a credere ad ogni dichiarazione del megafono Grillo, del blog e dei parlamentari – ops, dei “cittadini-portavoce” – prendendone le difese nei momenti difficili dando la colpa agli altri, al sistema e a fantomatici complotti. Bisogna vedere, ed è interessante, fino a quando i fedelissimi resteranno tali, fino a quando daranno fiducia al partito che ha dimostrato di essere il più incoerente di tutti e per certi versi uguale agli altri, con le stesse debolezze (forse in alcuni casi e in parecchi ambiti maggiori) e gli stessi problemi, che di per se non lo rendono peggiore degli altri, ma è esso stesso che si pone in condizione di esserlo, perchè doveva essere il cambiamento, composto solo da gente onesta, super trasparente e con un codice disciplinario che però è valso solo quando e con chi ha fatto comodo.
Le conseguenze di avere rappresentanti totalmente impreparati e che non sanno dove si trovi Montecitorio e studiano la costituzione sui cd ora emergono. Ma esiste uno zoccolo duro che non si cura di ciò e neanche di altre questioni sollevate dai giornali. Alcuni neppure delle bugie e dai diversi trattamenti e modi di agire che emergono in queste ore, dando la colpa ai giornalisti e ai partiti (come loro). Insomma, la dottrina M5S funziona, e allora se si perde è un complotto e se si vince è allo stesso modo un complotto, se governano bene è merito loro e se governano male di chi c’era prima, se un esponente di un qualsiasi partito o che ricopra qualsiasi posizione è indagato deve dimettersi ma se indagano uno della loro giunta diventano garantisti.

Di Maio dice, ancora il 6 settembre, di non saperne niete (e non di aver letto male l’email), la Raggi di non avere informato Grillo e Di Maio (bell’esempio di trasparenza!) il quale però era stato informato da Paola Taverna (informata a sua volta dalla Raggi, che quando dice di aver informato i vertici si riferisce al direttorio romano). Addirittura Di Maio chiede se qualcuno era stato preallertato (certo, lui!), e alla domanda di Grillo se il direttorio ne sapesse qualcosa, rispondono di no, peccato che nel direttorio nazionale ci sia proprio di Maio! E se molti della base iniziano a manifestare i primi segnali di ribellione e a sollevare critiche, altri affilano le armi e si schierano con i vertici.

Ma vediamo cosa diceva l’email che Di Maio dice di non aver capito: «si parla di un’imminente notifica di un avviso di garanzia all’assessore per un’ipotesi di reato consistente in violazioni procedurali di verifica e di controllo prescritte dal Testo Unico dell’Ambiente. L’assessore in ogni caso è già indagata secondo quanto risulta dalla visura ex articolo 335». Assessore: quindi non avrebbe potuto confonderla con il numero uno di Ama, Daniele Fortini.

Criticare è la cosa più facile in politica, ma poi se si vuole ambire a forza di governo bisogna avere un programma, un progetto, una vision, gente preparata e competente, e scendere a patti, dialogare, collaborare. Il M5S non ha e non vuole nulla di questo. Forse perchè sta benissimo all’opposizione ed è consapevole, da ora ancora di più, che la sua politica del contro-tutti e contro-tutto senza proporre alternative attuabili e strutturate gli fa fare il pieno di voti, che rischia però di perdere qualche mese dopo essere messo alla prova. Sicuramente rischia di perdere credibilità e legittimità di forza alternativa. Sono finiti in un tornado creato da loro stessi, intrappolati nelle critiche e nelle denunce ingigantite in questi ultimi anni rivolte a quelli che stavano negli stessi palazzi dove ora si trovano loro. Sono responsabili dell’anti-politica e della sfiducia verso i partiti e i politici, che da loro cavallo di battaglia è diventato un cavallo di Troia.

Il vero M5S è quello che vediamo in questi giorni a Roma, e come ha detto Antonio Polito su Il Corriere del 7 settembre, spiace che molti cittadini ne rimarranno delusi. O ne siano già rimasti delusi. Io no, aspettavo solo quando accadesse, perchè viste le condizioni sopra citate era imprevedibile. Ci hanno messo meno di quello che credessi, ma mi hanno stupito solo una volta: a Torino. Lì, a quanto pare, non è il vero M5S.