Tagliati 7 milioni per il buono scuola in Piemonte, stanziati 2 milioni per gli immigrati a Biella

Tagliati 7 milioni per il buono scuola in Piemonte, stanziati 2 milioni per gli immigrati a Biella

Questo è il mio primo articolo. Volevo scrivere qualcosa sui miei territori, ai quali sono molto legato, cioè Biella e il Piemonte. Purtroppo però in questo periodo non si può che riportare brutte notizie: mentre il Governatore del Piemonte Sergio Chiamparino ha deciso di tagliare 7 milioni al buono scuola, 1 milione al diritto allo studio universitario, 1 milione allo sport e ben 13 milioni alla cultura, a Biella (la mia città) è stato aperto un bando da parte della Prefettura su ordine del Ministero del valore di oltre 2 milioni di euro per ospitare circa 230 immigrati “richiedenti asilo”, quindi clandestini.

Vedere spesi così i soldi dei piemontesi fa rabbia. Un territorio bellissimo deve rinunciare a milioni di euro che potrebbero servire per migliorare una situazione molto difficile e invece, come al solito, lo Stato italiano pensa prima a sistemare centinaia di clandestini in una società culturalmente diversa e già in ginocchio. Non solo, lo stesso Stato finanzia l’alloggiamento degli immigrati sul territorio biellese, ovviamente attingendo dalle tasse dei cittadini, mentre tartassa questi ultimi di altre tasse e poi diminuisce i fondi per diritti importantissimi e imprescindibili come quello dello studio.

Questa situazione non può andare avanti a lungo, perchè i piemontesi sono brava gente e con tanta pazienza, ma se dopo anni di duro lavoro e sacrifici enormi vengono trattati così, si ribelleranno anche loro. E possono ribellarsi democraticamente, alle prossime elezioni, a breve…

Annunci